Personna Platinum (Israeli reds)

I lettori più attenti avranno notato che la scorsa settimana non c’è stata una recensione. In effetti sabato scorso era la vigilia di Pasqua ed io avevo troppe cose da fare: non avendo tempo di scrivere la recensione settimanale, ho deciso di radermi con una lama Merkur che avevo già recensito in precedenza e di rimandare la nuova recensione ad oggi.

Invariate come sempre le condizioni di rasatura: barba di una settimana, riposo con risveglio naturale, doccia e rasatura immediatamente successiva alla doccia. Avendo ormai esaurito qualsiasi principio, ragionevole e non, per scegliere la prossima lametta da recensire, ho pensato ad un nome di quelli che mi ricordavo, senza guardare l’elenco, ed il primo che mi è venuto in mente ha vinto. Evidentemente la comunicazione commerciale a qualcosa serve.

Ho iniziato a radermi dimenticandomi di annotare le sensazioni, come se non volessi poi scrivere una recensione. Solo dopo aver fatto il pelo sul lato destro (inizio sempre da lì) mi sono ricordato che mi stavo radendo per una recensione ed ho iniziato a tenere a mente quel che sentivo sulla pelle. Questo significa una sola cosa: radersi con la lametta Personna è qualcosa di naturale, che sicuramente non crea fastidi di alcun tipo.

Se, da una parte, non ci sono preoccupazioni nell’uso della Personna Platinum, dall’altra ho notato qualche difficoltà in più del solito a tagliare i peli, ma non vorrei essere frainteso: il suo lavoro lo fa e non si può certo dire che non tagli, solo che a volte mi è parso di dover passare una volta in più per completare la rasatura. Nulla di particolarmente fastidioso, solo un dettaglio con cui si può tranquillamente convivere, che però a tratti si nota.

Nel momento stesso in cui ho pensato che con la Personna mi sentivo, per così dire, “a casa”, ho notato un punto rosso sul collo, dove ero passato poco prima. Mi sono quindi tagliato senza rendermene conto. Probabilmente ho commesso io qualche errore nella tecnica, ma anche in quel caso non posso fare a meno di ricordare come con la Voskhod, nonostante fosse la mia prima rasatura in assoluto con un rasoio DE, io abbia ottenuto una rasatura completa senza il minimo taglio. Con la Personna, invece, oltre a quel primo taglietto, ne ho poi visto un altro, sempre sul collo. In realtà parliamo di meno tagli di quelli avuti con la Gillette Platinum (e quindi anche meno di quelli causati dalla Gillette Sensor), ma, al netto di eventi casuali difficilmente ponderabili, mi sento di collocare questo aspetto al pari delle Gillette.

Il contropelo con la Personna Platinum invece è il vero tallone d’Achille di questa lametta: nel mio caso è risultato difficoltoso. Non è che non abbia ottenuto il risultato BBS sperato, anzi, quello c’è ed è ottimo, ma il tempo necessario per ottenerlo, i passaggi, l’insistenza e di conseguenza l’irritazione della pelle pongono questa lametta più o meno al pari delle Gillette Sensor.

Come anticipato, il risultato BBS invece è ottimo, nonostante serva un po’ di fatica per ottenerlo. Non ho nemmeno provato a passare di nuovo con la vecchia Gillette Sensor, tanto era evidente, già solo passando con le dita, che avevo già tutto quello che ci si aspetta da una lametta per barba.

A partire dalla distribuzione della crema pre barba fino ad arrivare all’asciugatura finale ho impiegato 30 minuti, quindi un tempo equivalente a quanto ci mettevo con la bilama Sensor. La lametta Wilkinson era stata più veloce e credo che il problema qui sia stato proprio il tempo necessario, durante il contropelo, ad ottenere il risultato BBS ricercato. Complessivamente, comunque, l’esperienza risulta più piacevole di quanto non fosse con le bilama, ma, arrivato a questo punto, come anche previsto all’inizio, credo che buona parte di questa piacevolezza sia da imputare al rasoio ed al conseguente metodo che ne risulta. Senza nulla togliere alla Personna o ad altre lamette, pare che qualsiasi sia la lama in uso, la rasatura con un DE sia più piacevole di quella con le bilama. Staremo a vedere se questa impressione resterà vera anche con le prossime lame.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

You may use these HTML tags and attributes:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>