Bersani, emorragia cerebrale e M5S

Oggi appare sul blog di Beppe Grillo un messaggio di augurio per Bersani. Toni amichevoli, parole sentite, probabilmente sincere. Probabilmente? Certo, probabilmente, non possiamo esserne sicuri.
In generale la salute di un avversario politico è un terreno scivoloso. Penso che in questi casi sarebbe meglio limitarsi ad un rispettoso silenzio, per evitare strumentalizzazioni di parole che, anche se scritte sinceramente, sono sempre interpretabili in vari modi.
Personalmente non auguro mai a nessuno malattia o morte, ma tutti sappiamo che dentro di noi capita fin troppo spesso di sperare che qualcuno muoia, anche se poi per ovvie ragioni non glielo auguriamo pubblicamente (ma fra i commenti sul blog di Grillo non mancano neppure quelli che augurano pubblicamente malattia e morte a Bersani). In quest’ottica rivolgere parole amichevoli ad un avversario che fino a poco prima si è aspramente criticato (anche a ragione) suona falso, per quanto quelle parole possano essere sincere.
Ripeto, sarebbe meglio un rispettoso silenzio.